Augusta, nuovi piazzali: gara sospesa - L’appalto da 47 milioni: lo stop legato a seguito di alcuni approfondimenti inerenti i prezzi relativi alle lavorazioni del primo stralcio, espletate in contraddittorio con l’Ance Sicilia e con l'ausilio del progettista incaricato

Da un mese e mezzo, da quando e stato pubblicato da parte dell’Autorità di sistema del mare di Sicilia orientale e sotto i riflettori soprattutto delle associazioni ambientaliste che contestano il progetto di realizzazione dei piazzali del porto di Augusta con la relativa cementificazione di una parte delle saline di Punta Cugno ora il bando di gara europeo per l’acquisizione di aree e la realizzazione dei nuovi piazzali attrezzati (primo e secondo stralcio unificati) per un appalto pari a poco più di 47 milioni di euro è stato sospeso momentaneamente per un aggiornamento del prezziario e il reperimento delle risorse necessarie.

Lo si apprende da un avviso pubblicato, venerdì scorso, sul sito ufficiale dell’Autorità di sistema del mare di Sicilia orientale, firmato dal responsabile di gara Davide Romano e dal responsabile unico del procedimento, il segretario generale dell’Ente Carlo Guglielmi secondo cui «a seguito di alcuni approfondimenti inerenti i prezzi relativi alle lavorazioni del primo stralcio, espletate in contraddittorio con l’Ance Sicilia e con l'ausilio del progettista incaricato –si leggesi è verificato che occorre aggiornare i prezzi al prezziario regionale anno 2013, analogamente a quanto previsto nel secondo stralcio, onde evitare diseconomie potenziali deficit di relatività della procedura concorsuale del suo complesso. In ragione di questo ed al fine di reperire le necessarie risorse finanziarie si dispone la sospensione della procedura di gara». Rimangono salve le certificazioni suoi sopralluoghi sull’area già effettuati da chi ha partecipato alla gara, i cui termini sarebbero scaduti venerdì prossimo e della cui riattivazione, secondo l’avviso pubblicato dall’Autorità portuale verrà data futura comunicazione.