L’Inail, con l’allegata nota del 14 giugno scorso, ha riaffermato che gli enti deputati al rilascio del Durc, prima di emettere il certificato irregolare, hanno l’obbligo di invitare l’impresa alla regolarizzazione, nel termine di 15 giorni, così come previsto dall’art. 7, co. 3 del D.M. 24/10/2007.

Tale invito, infatti, costituisce un atto dovuto per la correttezza del procedimento amministrativo e la successiva legittimità del certificato, e assume un’importante rilevanza stante le conseguenze che un Durc negativo può avere soprattutto negli appalti.

Diverso è il caso del Durc richiesto per la verifica dell’autodichiarazione, per la quale non rileva una regolarizzazione successiva del soggetto.

Fonte: Ance