Notizie

Palermo, 11 ottobre 2017 – La nuova edizione dell’Osservatorio di Ance Sicilia sulle costruzioni nell’Isola, che vede la luce con la rilevazione del periodo gennaio-agosto 2017 a confronto col corrispondente periodo del 2016, conferma un sostanziale crollo dei bandi di gara per opere pubbliche pubblicati sulla Gazzetta ufficiale dalla Regione e dagli Enti locali: un crollo che segna solo 75 gare proposte al mercato (-90,83% rispetto alle 818 dei primi otto mesi del 2007) e importi a base d’asta per 112 milioni di euro, -87,38% a confronto con gli 890 milioni di dieci anni fa.

Palermo, 2 ottobre 2017 – Basta cantieri stradali con scavi e trincee per la posa di tubi e cavi interrati che affliggono la vita degli automobilisti. Anche in Sicilia, dopo altre regioni italiane, arriva la tecnologia del futuro “trenchless” (letteralmente “senza trincee”) grazie all’assessorato regionale Infrastrutture che l’ha prevista nel nuovo Prezziario regionale di prossima pubblicazione. Adesso toccherà a enti pubblici e società partecipate inserirla nei bandi di gara per ridurre l’impatto ambientale e ottenere notevoli risparmi su tempi e costi.

Palermo 03 ottobre 2017 - Si terrà a Palermo il workshop organizzato da ANCE Sicilia, in collaborazione con la IATT e con l’Ordine degli Ingegneri di Palermo su:

Le tecnologie trenchless: pianificazione e gestione degli interventi delle reti interrate nell’ottica della sicurezza, innovazione, ecosostenibilità ed economicità

Palermo 21 settembre 2017 – Sono state approvate oggi dalla Commissione Regionale per la Revisione Prezzi, istituita presso il Provveditorato Interregionale per OO.PP. Sicilia-Calabria di Palermo, le Tabelle revisionali relative al 1° Semestre 2017.

Nella stessa seduta sono state rettificate le tabelle revisionali del 2016  - 3° bimestre, 4° bimestre, 5° bimestre e 6° bimestre, nonché le 2 tabelle di riepilogo semestrale, a seguito dell’emanazione del D.D. 23/2017 del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali del 03/04/2017 Pubblicato sulla Guri N. 99 del 29 Aprile 2017, che modificato retroattivamente i valori della manodopera.

Palermo, 14 settembre 2017 - Nuovi interventi per oltre 2 miliardi di euro da realizzare in Sicilia sono stati sbloccati dall’assessore regionale alle Infrastrutture, Luigi Bosco. Si tratta di opere che, fra progettazioni e gare, impegneranno il settore edile sin da subito e, a seguire, nel 2018. Ne ha dato notizia lo stesso Bosco nel ricevere la Consulta siciliana delle Costruzioni (sigla che comprende 20 fra organizzazioni di imprese, sindacati, ordini e associazioni di tecnici e professionisti del mondo dell’edilizia), che aveva chiesto un incontro urgente per sollecitare soluzioni alla grave crisi che colpisce il settore con la perdita negli ultimi anni di oltre 100 mila posti di lavoro e di quasi 3 mila imprese.

Palermo, 1 settembre 2017 – “Accogliendo alcune delle sollecitazioni della Consulta siciliana delle costruzioni, l’assessore regionale alle Infrastrutture, Luigi Bosco, in questi ultimi tre mesi ha finalizzato atti (fra i quali il tanto atteso Accordo di programma quadro ‘rafforzato’ con Anas), che sbloccano o definiscono opere finanziate da tempo; a nostro giudizio quelle che possono essere avviate entro la fine dell’anno superano l’importo complessivo di 2 miliardi di euro”. 

 

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 07/08/2017 il Dpr 13 giugno 2017 n. 120 che contiene il Regolamento con la «disciplina semplificata della gestione delle terre e rocce da scavo, ai sensi dell'articolo 8 del decreto-legge 12 settembre 2014, n. 133, convertito, con modificazioni, dalla legge 11 novembre 2014, n. 164».

Il decreto ha come oggetto la gestione delle terre e rocce qualificate come sottoprodotti per tutti i cantieri, la disciplina del deposito temporaneo di quelle considerate come rifiuto, la gestione nei siti oggetto di bonifica.

Palermo, 31 luglio 2017 – “Se l’iniziativa non venisse dal M5S, verrebbe da pensare che persino gli integerrimi grillini hanno adottato il malcostume della vecchia politica di inserire mance elettorali a fine legislatura. Ma se così non è - come noi riteniamo - , come mai l’emendamento alla legge sull’edilizia che vincola il rilascio del certificato di agibilità di un immobile, si limita a richiedere l’autocertificazione dell’avvenuto pagamento solo dei progettisti e dei direttori dei lavori, e non anche di tutti gli altri soggetti che hanno partecipato alla realizzazione dell’opera, dall’impresa agli artigiani edili, dagli impiantisti agli 

Palermo, 26 luglio 2017 – Un ulteriore meno 17% di opere pubbliche poste in gara in Sicilia nel primo quadrimestre del 2017 (39 contro 47 del primo quadrimestre 2016), meno 12% di importi proposti al mercato (59 milioni a fronte di 67), anche a causa della riforma del Codice degli appalti, che ha ulteriormente depresso il mercato, mentre il suo Correttivo, che ha reintrodotto il sistema dei ribassi d’asta crescenti, prevedibili e turbabili, farà ancora peggio.

Palermo, 18 luglio 2017 – Settore edile in Sicilia prossimo al fallimento: la Consulta regionale delle Costruzioni chiede al Capo dello Stato un estremo intervento per fare rispettare la Costituzione nell’Isola, prima che sia costretta a chiedere l’intervento sostitutivo del governo nazionale nei confronti della Regione e delle Autonomie locali.